25 settembre 2015 – RICCIONE – GIORNATE DELLA POLIZIA LOCALE – PREMIAZIONE BARELLI, MAZZON, BEBER DELLA POLIZIA LOCALE DI TRENTO

Alla presenza del Vice Sindaco di Trento dottor Paolo Biasioli, il 25 settembre 2015, a Riccione, nel corso della maggiore chermes nazionale del settore polizia locale denominata “Le Giornate della Polizia Locale”, nella cornice formativa organizzata da ANVU dal titolo “La prevenzione territoriale del terrorismo internazionale – Le strategie di autotutela per la polizia locale nella sicurezza urbana” si è tenuta la premiazione di tre colleghi della Polizia Locale di Trento che si sono particolarmente distinti nel corso del 2015 per operazioni di servizio.

In particolare sono stati premiati gli Assistenti Barelli Barbara, Mazzon Sara e Beber Denis con le seguenti motivazioni:

All’Assistente Barelli Barbara del Corpo di Polizia Locale Trento – Monte Bondone

Comandata in servizio di perlustrazione appiedato, isolato e disarmato nel centro storico di Trento, veniva richiamata dalle urla di aiuto di alcuni commercianti che si erano accorti di una rapina in atto in una gioielleria.

Immediatamente si portava sul posto avvisando la centrale operativa di quanto stava accadendo e chiedendo rinforzi.

Giungeva nel luogo mentre i cinque rapinatori stavano uscendo dalla gioielleria con il bottino in pugno. Si teneva in contatto continuo con la centrale operativa ed i colleghi che prontamente affluivano sul posto e, nonostante fosse stata raggiunta da spray urticante che l’aveva resa momentaneamente cieca e con crisi respiratoria in atto, riusciva ad atterrare uno dei rapinatori con il quale aveva una breve colluttazione; ad ammanettarlo; trarlo in arresto e trattenerlo sino all’arrivo di altro personale di Polizia Locale.

Grazie alle puntuali informazioni fornite via radio dall’Assistente Barelli, ed all’aiuto di alcuni cittadini, poco distante una pattuglia di Polizia Locale che stava affluendo in supporto alla collega, traeva in arresto altro rapinatore recuperando parte del bottino. Alcune ore più tardi altre Forze dell’Ordine riuscivano ad individuare gli altri tre rapinatori terminando di recuperare tutto il provento dell’azione criminosa.

L’Operatrice di Polizia Locale veniva quindi portata presso il locale Pronto Soccorso ove veniva trattenuta per accertamenti medico sanitari.

L’Assistente Barelli Barbara mostrava nell’occasione altissimo senso del dovere, sprezzo del pericolo, alta professionalità e determinante capacità operativa.

Trento, 28 aprile 2015.

All’Assistente Beber Denis e all’Assistente Mazzon Sara del Corpo di Polizia Locale Trento Monte – Bondone

Equipaggio di pattuglia auto – montata in servizio di pronto intervento.

Avuta notizia dell’intervento in atto dell’Assistente Barelli Barbara, in servizio disarmato ed isolato, per una rapina in atto in una gioielleria del centro storico, affluivano sul posto con massima celerità.

Mentre raggiungevano il luogo ove si era compiuta l’azione criminosa, avute le sommarie descrizioni di quattro dei cinque rapinatori che erano riusciti a darsi alla fuga, individuavano, anche grazie alla collaborazione di alcuni cittadini, uno dei rapinatori e lo traevano in arresto recuperando parte del provento dell’azione criminosa.

Gli Operatori di Polizia Locale nella circostanza mostravano non comune senso di appartenenza al Corpo, alta professionalità e determinante capacità operativa.

Trento, 28 aprile 2015

A seguire, purtroppo alla memoria, veniva conferito analogo premio alle vedove ed ai figli del Capitano Francesco Bruner e dell’Assistente Capo Vincenzo Cinque del Corpo di Polizia Locale di Napoli periti sotto i colpi dell’arma da fuoco di un pluriomicida. Altro esempio – spinto sino all’estremo sacrificio – del valore delle donne e degli uomini della Polizia Locale d’Italia.

 

DSC_7229DSC_7231DSC_7226DSC_7223DSC_7222DSC_7220DSC_7215DSC_7210DSC_7209DSC_7207DSC_7205DSC_7204DSC_7175