carnevale-4
IMG_0079
motociclisti-1
le-verifiche-trasporti-2011-(222)
rianimazione
pedonale
sciatori
P1000286
P1000043
noa-16
aldeno-10
ex-sloi-2
ex-sloi-6
le-verifiche-trasporti-2011-(101)
le-verifiche-trasporti-2011-(122)
le-verifiche-trasporti-2011-(48)
viabilità
le-verifiche-trasporti-2011-(82)
ALLEGATO 1
ALLEGATO 2 (oscurare faccia persona a terra)2

A seguito dell’assemblea auto convocata di Montesilvano (PE) – primavera 1978 – i Vigili Urbani di tutta Italia si incontrano per la prima volta a Lido di Camaiore (LU) il 28 Aprile1979, in cui vengono esaminate le problematiche generali della Categoria e nasce il forte desiderio di un maggior collegamento.

Il 26 marzo 1980, sempre a Lido di Camaiore, si tiene 1^ Assemblea Nazionale dei delegati dei VV UU. d’Italia. Presa coscienza di se stessi, i VV UU. rivendicano il riconoscimento – COME CATEGORIA – ed un loro specifico “STATUS” con apposita Legge Quadro di Ordinamento giuridico.

Il 17 marzo 1981, 19 Soci Fondatori a Lido di Camaiore costituiscono l’ANVU – Associazione Nazionale Vigili Urbani -, dando cosi vita ad una struttura che è – insieme – collegamento professionale e rappresentatività nazionale

L’ 8 e 9 ottobre 1981, l’ANVU si presenta a livello nazionale con il suo congresso costitutivo fornendo programmi e metodi di risoluzione alle attese ed alle richieste della Categoria.

Il 30 ottobre 1982 propone un 2° Congresso organizzativo a Monsummano Terme (PT). Prendono così via le strutture decentrate ed il nostro impegno, già notevole e determinante a livello nazionale per la Legge Quadro, si estende a tutto il territorio.

Il 9 aprile 1985, a Macerata, l’ANVU rinnova l’incontro con la Categoria con un Congresso politico-organizzativo di bilanci, che prende atto di una crescita sia numerica che qualitativa, tale da rendere l’ANVU – a soli quattro anni dalla nascita – un preciso PUNTO DI RIFERIMENTO sia per i VV UU che per gli Amministratori, per i Politici, per le Istituzioni ai vari livelli, per le OO.SS.

Il 23 ottobre 1985 la “GIORNATA NAZIONALE DEI VIGILI URBANI D’ITALIA”, da noi organizzata, sancisce – a seguito dell’incontro con il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga ed alla presenza qualificata di esponenti politici e sindacali nonché della massiccia adesione dei Colleghi provenienti da tutt’Italia – l’affermazione dell’ANVU quale rappresentante professionale dell’intera Categoria.

II 28 marzo 1987, a Perugia, continua l’attività dell’ANVU e vede un impegno sempre maggiore da parte di tutti i soci nel voler affermare i diritti della Categoria facendo un attento esame della figura del “Vigile Urbano”, anche in conseguenza dell’avvenuta approvazione della Legge Quadro n° 65 del 7 marzo 1986.

Oltre ai Consigli Direttivi Nazionali previsti dallo Statuto, l’ANVU organizza, attraverso la collaborazione dei soci, a livello decentrato in tutta Italia giornate di studio, di formazione e di aggiornamento professionale ottenendo sempre maggiori consensi. Ai partecipanti regolarmente iscritti vengono rilasciati attestati di partecipazione valutabili ai fini del riconoscimento dell’acquisita maggiore professionalità per la partecipazione ai concorsi e alle selezioni per la progressione di carriera.

Al V° Congresso Nazionale 17 e 18 settembre 1990 svoltosi a Caravaggio (BG) hanno partecipato Delegati di tutte le regioni italiane, in rappresentanza di oltre 10.000 iscritti. Con tale Congresso l’Associazione si evolve in ANVU “Ars Nostra Vis Urbis” – Associazione Professionale Polizia Municipale d’Italia.

Il VI° Congresso Nazionale svoltosi a Matera nei giorni 19 e 20 novembre 1993 – ha sancito in maniera inequivocabile la politica dell’ANVU per i successivi cinque anni. Chi vi ha partecipato non potrà dimenticare la carica emotiva che ha caratterizzato l’importante Assise tenutasi in quella straordinaria ed unica città che è Matera – Città dei Sassi. In quel clima di esultante euforia ed al tempo stesso di preoccupata tensione conseguente al momento storico del Paese – ed in esso la nostra Categoria – si sono svolti i lavori di quello che, a ragione, possiamo sicuramente definire il Congresso più importante – di tutti quelli sino ad allora celebrati – dell’ intera vita dell’ ANVU.

Il VII° Congresso Nazionale è stato celebrato a Chianciano Terme (SI) il 14 e 15 dicembre 1998. Così come quello di Matera è stato il congresso del cuore, dell’emozione e della convinzione di una ritrovata universale unitarietà, quello di Chianciano è stato il congresso dell’intelletto, della maturità e della consapevolezza dei tempi nuovi.

L’ANVU si evolve ancora una volta e diventa, anche statutariamente, l’Associazione della Polizia Municipale e LOCALE, in sintonia con l’evoluzione del Paese proiettato verso una dimensione europea sempre più marcata che pone il SISTEMA SICUREZZA al centro del rinnovamento istituzionale e costituzionale.

Il mandato congressuale è chiaro ed inequivocabile: recupero della più assoluta indipendenza e trasversalità rispetto alle organizzazioni sindacali; potenziamento e rivitalizzazione delle strutture decentrate; fortissimo impegno ai massimi livelli istituzionali, così come nel territorio, per la migliore ridefinizione dell’ordinamento giuridico e contrattuale.

RICONOSCIMENTI:

ANVU è stata riconosciuta come Associazione professionale di comprovata esperienza nel campo delle sicurezza stradale, ai sensi dell’art. 230 del Codice della Strada, con Decreto Ministero LL.PP. n.° 651 del 10.12.1993.

DI COSA FA PARTE ANVU:

Socio fondatore della Consulta Nazionale ANCI; ANVU è altresì componente di diritto delle Consulte Nazionali ANPCI e UPI, nonchè referente privilegiato delle massime Istituzioni, di UNCEM e Lega delle Autonomie.

ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE:

ANVU, Associazione tecnico professionale maggiormente rappresentativa, è presente in tutto il territorio nazionale, ed è strutturalmente organizzata in 98 province; in tutte le regioni e nelle province autonome di Trento e Bolzano. E’ governata da Organismi statutariamente previsti eletti su base e metodo democratico. Si avvale, operativamente, di 20 Dipartimenti tematici, fra cui quello della formazione professionale “Istituto Superiore per Operatori della Polizia Locale I.S.O.Po.L.

POLIS:

“POLIS” – periodico di informazione, cronaca e cultura per gli appartenenti alle Forze di Polizia delle Autonomie Locali, è organo ufficiale ANVU. Contiene le informazioni sull’ attività dell’ Associazione, segnalazioni di appuntamenti a livello nazionale e fornisce le notizie, gli approfondimenti ed i commenti sia di carattere pratico operativo, sia in ambito normativo. La distribuzione è gratuita per tutti i soci in regola con il pagamento delle quote associative.

Se sei abbonato alla rivista Polis e vuoi cambiare indirizzo di spedizione clicca QUI.

COSA NON E’ ANVU:

Pur garantendo ai propri associati una tutela prevista dallo statuto, ANVU non è un sindacato.

MATERIALE INFORMATIVO:

ANVU e la sua storia

Statuto

Regolamento dello Statuto

Linea politica ANVU

ISCRIVITI