2017

TSO – ASO: NORMATIVA, PROCEDURE, PROTOCOLLI OPERATIVI

 A T T E N Z I O N E

IL CORSO È RISERVATO AI SOLI OPERATORI DI POLIZIA LOCALE

DEI CORPI E SERVIZI DI POLIZIA LOCALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO


CON IL PATROCINIO DI:

Provincia-Autonoma-di-Trento

Regione-Trentino-Alto-Adige_large

ORGANIZZATO DA:

logo250

SI RINGRAZIA:

logo_500 IPTS


Le locuzioni ASO (Accertamento Sanitario Obbligatorio) e TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio) rappresentano l’innovativa concezione, per l’epoca, derivanti dal lavoro del famoso psichiatra Franco Basaglia nella Legge 13.05.1978, n. 180.

Questo dettato normativo, che costituì il “pilastro” della psichiatria moderna, riconosce al malato di mente gli stessi diritti degli altri pazienti. Il malato non sarà più curato in base alla pericolosità sociale con la sua rimozione ed espulsione dalla società e la sua custodia, ma in virtù di una sua libera scelta, salvo nei casi di A.S.O. e T.S.O.

Dopo soli sette mesi dall’emanazione della Legge 180/1978 entrò in vigore la Legge 23.12.1978 n. 833 i cui articoli 33, 34 e 35 riprendono ed in parte modificano le disposizioni del precedente testo normativo.

Il continuo emergere di problematiche legate a questi provvedimenti ha fatto si che ad oggi si siano susseguite circolari, disposizioni, linee guida di intervento e protocolli che cercano di coniugare l’incolumità del paziente con l’integrità fisica e giuridica di chi è chiamato ad eseguire un atto del proprio Ufficio.

Nell’attuazione degli ASO e TSO, le Polizie Locali svolgono un ruolo principale e allo stesso tempo estremamente delicato. Esse sono infatti chiamate ad ottemperare ad un Ordinanza che ha come fine la tutela della salute di un paziente.

Dai dati ISTAT 2013, in Italia i casi di ospedalizzazione per disturbi psichici sono stati 9021 (Nord 3352 – Centro 1638 – Sud 2162 – Isole 1869). Un numero impressionante se collegato agli interventi eseguiti dalle Polizie Locali nella loro funzione di Polizia Amministrativa Sanitaria. In molti casi si è reso necessario il ricorso alla contenzione o coercizione fisica per salvaguardare in primis l’incolumità del paziente.

Nel 2009 tra le raccomandazioni emerse nella conferenza Stato-Regioni sulle procedure inerenti il TSO fu esplicita la necessità della formazione degli Operatori di Polizia Locale.

Le continue pagine di cronaca hanno fatto emergere deludenti lacune per la complessiva attività di tutela del paziente, dell’operatore sanitario e dell’operatore di polizia locale, oltre a numerose problematiche per la gestione delle procedure attuative


lampeggiante

Programma completo del corso di alta formazione:

ASO – TSO procedure, protocolli, soluzioni (solo PL Trentino)